A TAVOLA

Sgombro, cetriolo e acetosella.

Risotto zafferano, piselli e capesante.

Variazioni di maialino: pancetta, sella, polpetta di filetto e finferli.

Seppie in zimino.

Mousse manjari con finocchietto selvatico e limone.


"Poggio ai Santi" e il ristorante “Il Sale” hanno scelto dall’inizio della loro attività la coerenza dello sviluppo sostenibile, per la loro produzione elettrica, per l’acqua calda, per le colture biologiche e ovviamente per la scelta dei prodotti locali, toscani, a km 0 come si usa dire.

Condividiamo i valori del movimento internazionale per la Difesa e il Diritto al Piacere, nato a Parigi, nel 1989. Piccolo riassunto:

  • “Questo nostro secolo, nato e cresciuto sotto il segno della civiltà industriale, ha prima inventato la macchina e poi ne ha fatto il proprio modello di vita”
  • “La velocità è diventata la nostra catena, tutti siamo in preda allo stesso virus: la vita veloce, che sconvolge le nostre abitudini, ci assale fin nelle nostre case, ci rinchiude a nutrirci nei fast food.”
  • “Perciò, contro la follia universale della "fast life", bisogna scegliere la difesa del tranquillo piacere materiale.”
  • “Contro coloro, e sono i più, che confondono l'efficienza con la frenesia, proponiamo il vaccino di un'adeguata porzione di piaceri sensuali assicurati, da praticarsi in lento e prolungato godimento.”
  • “Iniziamo proprio a tavola con lo Slow Food, contro l'appiattimento del fast food riscopriamo la ricchezza e gli aromi delle cucine locali.
  • “Se la "fast life" in nome della produttività ha modificato la nostra vita e minaccia l'ambiente e il paesaggio, lo Slow Food è oggi la risposta d'avanguardia.”
  • “Slow Food si è impegnata per la difesa della biodiversità e dei diritti dei popoli alla sovranità alimentare, battendosi contro l'omologazione dei sapori, l'agricoltura massiva, le manipolazioni genetiche.”
  • “È qui, nello sviluppo del gusto e non nel suo immiserimento, la vera cultura, di qui può iniziare il progresso, con lo scambio internazionale di storie, conoscenze, progetti. Lo Slow Food assicura un avvenire migliore.”

Vi presentiamo dunque alcuni prodotti toscani tipici, e anche i produttori. Sempre in nome di questa coerenza, ci sembra che l’inizio di ogni pranzo cominci con il piacere della scoperta.


© Poggio ai Santi - via San Bartolo, 100 I-57027 San Vincenzo (LI) - tel +39 0565 798032    p.iva 01358630497     poggioaisanti@toscana.com